OLI ESSENZIALI

GLI OLI ESSENZIALI SONO ESSENZE NATURALI AL 100%, PARTICOLARMENTE CONCENTRATE IN ALCUNE PARTI DELLA PIANTA: fiori, resina, corteccia, radici, buccia, foglie, frutti. sono frazioni volatili ottenute dalle piante mediante distillazione in corrente di vapore e presentano una composizione complessa.
Stimolano intensamente l’olfatto, in quanto si volatilizzano a temperatura ambiente. Gli oli essenziali hanno proprietà̀ fisiche, chimiche e terapeutiche. essi possono essere considerati l’anima della pianta, poiché sono il risultato dell’estrazione, mediante particolari procedimenti, dell’essenza energetica della pianta stessa. Gli oli essenziali regalano energia e lucidità, curano la pelle e fanno bene al corpo e allo spirito.
Gli oli essenziali possono essere assorbiti dall’uomo attraverso due vie: quella esterna (inalazione, bagni, assorbimento epidermico, massaggi, ecc..) e quella interna (assunzione orale). L’aromaterapia coinvolge (attraverso la percezione degli odori) l’emotività̀, la memoria, la sensibilità̀ e tutte le aree cognitive correlate, oltre al sistema endocrino e quello immunitario. L’anosmia (incapacità di percepire gli odori) determina un abbassamento delle difese immunitarie ed è in relazione con alcuni tipi di depressione psichica. La tecnica di estrazione tramite distillazione in corrente di vapore senza solventi preserva la purezza degli oli essenziali derivati e mantiene intatte le caratteristiche funzionali dell’essenza, che resta così carica di principi attivi e priva di qualsiasi traccia di sostanze di sintesi.
Spesso si trovano sul mercato oli essenziali a basso costo che sono derivati da estrazioni con solventi; i solventi aumentano la resa produttiva della distillazione ma poi restano in tracce all’interno degli oli. È importante accertarsi che l’olio essenziale sia estratto in modo totalmente naturale.
Oli essenziali o profumi di sintesi? La scoperta dei profumi di sintesi, alla fine dell’‘800, ha cambiato in modo considerevole sia il modo di elaborare il profumo sia quello di percepirlo. Se prima infatti tutte le essenze erano di origine naturale, si è passati oggi, nella massima parte dei casi, ad essenze riprodotte chimicamente in laboratorio, che generano una miscela solo apparentemente uguale alla nota naturale che le ispira, ma che sono prive di qualsiasi funzionalità specifica, se non quella di profumare piacevolmente i cosmetici o gli integratori alimentari coprendo l’odore delle basi formulative e rendendo più appetibile il prodotto per il consumatore.
Gli oli essenziali naturali non solo apportano una nota olfattiva piacevole alla formula, ma diventano anche un principio attivo per la formula stessa, aggiungendo una funzione specifica al prodotto. Ad esempio: se si profuma uno shampoo con un olio essenziale di bergamotto, si percepirà una nota olfattiva di testa fresca e aggrumata, ma si otterrà anche un effetto anti-ossidante sulle lunghezze e antisettico sul cuoio capelluto. A questo si aggiunga poi che durante il lavaggio l’essenza di bergamotto svolgerà tramite l’olfatto la sua azione aromaterapica, generando un’immediata sensazione psico-fisica di benessere, ottimismo e relax.
Olismera sceglie di profumare le proprie creazioni solo con oli essenziali o dove necessario, per diminuire reazioni sensibilizzanti lasciare che la natura profumi il prodotto senza modificare le note olfattive delle matrici utilizzate.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *